La Corea del Sud sta arrivando a 50 milioni di abitanti



L’ingresso di una delle stazioni della metropolitana di Seul, che trasporta 3 milioni di passeggeri al giorno.

S

econdo dati non ufficiali del dicembre 2009, la popolazione della Corea del Sud in quella data era formata da 49.773.147 persone, di cui 24.929.939 maschi e 24.843.208 femmine. Oltre ai coreani, erano allora residenti nel paese 870.686 stranieri. Compresi gli stranieri residenti, quindi, la popolazione della Corea del Sud avrebbe superato nel 2009 i 50 milioni di persone. La densità della popolazione del Sud Corea nel 2009 risultava essere di 487 persone per km². Tenendo presente che la superficie della Corea è prevalentemente montuosa, tale densità la pone fra i paesi più densamente popolati del mondo. (Per i dati del censimento dell'anno 2000 si veda la pagina introduttiva alle statistiche.)

Nell’altra metà della penisola, secondo i dati del censimento condotto nell’ottobre 2008, la popolazione della Corea del Nord era invece di 24.052.231 persone (circa la metà di quella della Corea del Sud), di cui 11.721.838 maschi e 12.330.393 femmine. La densità della popolazione del Nord Corea nel 2008 era di 200 persone per km², all’incirca pari a quella dell’Italia.

Il primo censimento si tenne in Corea nel lontano 1925, mentre i successivi si sono tenuti ogni 5 anni. Nel 2010 (dal 22 ottobre al 15 novembre) si è tenuto il diciottesimo censimento per tutti i residenti, utilizzando allo scopo anche Internet. Per facilitare le risposte per via telematica anche per i non coreani residenti, i formulari su Internet erano redatti, oltre che in coreano, in 8 lingue straniere: inglese, giapponese, cinese, russo, vietnamita, indonesiano, tailandese e mongolo, mentre un folto gruppo di esperti era a disposizione per un servizio di interpretariato. A tutt’oggi (28 maggio 2011) i risultati del censimento del 2010 non sono ancora stati pubblicati, ma si può calcolare che la popolazione della Corea del Sud abbia superato in quella data i 50 milioni di abitanti.

Tendenze


Schiere di caseggiati nella periferia della capitale, tutti uguali e tutti composti da appartamenti identici.

La popolazione della Corea del Sud ha mostrato una forte crescita a partire dalla fondazione della repubblica nel 1948, ed è poi drammaticamente diminuita per gli effetti dovuti alla crescita economica. Nel censimento del 1949, la popolazione totale della Corea del Sud era stata calcolata in 20.188.641 persone, ma nel censimento del 1985 il totale dei residenti dava la cifra di 40.466.577 individui. La crescita della popolazione fu lenta, con un aumento dell’1,1% annuo, nel periodo 1949-1955, quando si registrò un totale di 21,5 milioni di abitanti, ma accelerò fra il 1955 e il 1966 ad una media annua del 2,8% fino a raggiungere i 29,2 milioni. In seguito declinò in modo significativo durante il periodo 1966-1985, quando si portò a una media annua dell’1,7%. Dopo di allora, la crescita media annua fu stimata essere meno dell’1%, simile alla crescita media annua dei paesi più industrializzati e vicina al traguardo fissato dal Ministero degli Affari Sociali per gli anni 1990. Il 1º gennaio 1989 si stimò che la popolazione della Corea del Sud fosse composta da 42,2 milioni di persone.

La città più popolosa è la capitale Seul (Seoul) che ha attualmente oltre 10 milioni di abitanti, con una densità di popolazione dichiarata come 8 volte maggiore di quella di Roma. Alcuni stimano che, compresi i sobborghi, la capitale raggiunga la cifra di 23.900.000 abitanti, pari a quasi la metà della popolazione del paese. Ultimamente si è verificata una leggera inversione di tendenza per cui gli abitanti di Seul, invece di aumentare, sono diminuiti. Molti sono i fattori che si possono ascrivere come causa di tale diminuzione. Non va innanzitutto trascurato il forte inquinamento atmosferico delle zone del centro. Un altro fattore che favorisce il decentramento è la costruzione di grandi autostrade che portano dalla capitale alle città-satelliti e che consentono di arrivare a Seul molto rapidamente. Infine, come succede anche in Italia per le grandi città, a causare la diminuzione dei residenti è il costo delle abitazioni che nella capitale della Corea del Sud diventa sempre più alto.


Tratto da varie fonti in Internet e integrato con considerazioni personali.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo