La Corea del Sud sollecita la comunità internazionale a mandare
un messaggio 'deciso' sulle bombe atomiche del Nord Corea



Una bomba atomica

L’

inviato nucleare superiore della Corea del Sud ha invitato la comunità internazionale a mandare un messaggio "fermo" alla Corea del Nord dicendo che non accetterà il suo possesso di armi nucleari, esprimendo la preoccupazione che il Nord sia "alla fase finale della militarizzazione nucleare".

In un discorso alla conferenza generale dell'Agenzia internazionale dell'energia atomica (AIEA) tenutasi a Vienna martedì 27 settembre 2016, Kim Hong-kyun, rappresentante speciale per gli affari di pace e sicurezza nella penisola coreana del Ministero degli esteri della Corea del Sud, ha inoltre esortato il Nord ad abbandonare tutti i programmi nucleari.

"A fronte del comportamento della Corea del Nord che sfida direttamente la missione dell'AIEA, la comunità internazionale deve inviare un messaggio fermo, con un senso di urgenza completamente diverso e rinnovato alla Corea del Nord dicendo che non accetterà mai il possesso di armi nucleari da parte del Nord", ha detto il rappresentante speciale Kim.

E ha aggiunto; "Il percorso che la Corea del Nord deve prendere è chiaro: abbandonare tutte le armi nucleari e i programmi nucleari esistenti in modo completo, verificabile e irreversibile, conformemente alle pertinenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e adempiere accuratamente agli obblighi derivanti dagli accordi di salvaguardia del Trattato di non proliferazione (TNP) e dell'Agenzia AIEA."

Il funzionario ha detto che l'attuale problema della Corea del Nord è "senza precedenti", suggerendo che la finestra di opportunità per affrontare le "minacce straordinarie" del Nord si possono star chiudendo.

Ha sostenuto: "Se non mettiamo ora un freno alle ambizioni nucleari di Pyongyang, arriveremo a pentircene domani. Questa è una possibilità che non si dovrebbe perdere per ottenere che la Corea del Nord torni al percorso di denuclearizzazione attraverso sanzioni molto più severe così come con una pressione accresciuta."

Kim, l'inviato superiore della Corea del Sud per i colloqui a sei, ha poi espresso rinnovate preoccupazioni per il persistente perseguimento del Nord di mezzi di consegna avanzati e i ripetuti test nucleari e missilistici.

"La Corea del Nord sta anche portando avanti il ​​progresso dei veicoli di consegna delle sue armi nucleari, come dimostra il lancio di 22 missili balistici di tutti i tipi solo quest'anno" ha detto. "Questi ripetuti test nucleari e missilistici mostrano che la Corea del Nord è ora alla fase finale della sua militarizzazione nucleare".

I colloqui multilaterali di denuclearizzazione che coinvolgono le due Coree, gli Stati Uniti, la Cina, il Giappone e la Russia sono stati bloccati dalla fine del 2008, quando il Nord si allontanò dal tavolo delle trattative.

La Corea del Sud si è unita all'agenzia AIEA quando è stata lanciata nel 1957 per promuovere l'uso pacifico dell'energia nucleare e la non proliferazione delle armi nucleari. Anche la Corea del Nord fece parte dell'agenzia nel 1974, ma si ritirò nel 1994..


Tratto da "S. Korea urges int'l community to send 'firm' message on N.K. nuke" pubblicato in data 28 settembre 2016 dall'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo