Agli studenti nordcoreani viene insegnato che
Dokdo è un territorio sacro della Corea



Gli scogli dell'isola di Dokdo all'alba

I

n questo sito si è più volte parlato del gruppo di rocce chiamato Dokdo dai coreani, Takeshima dai giapponesi o Rocce di Liancourt da altri. Ora uno studio comparso su Internet lunedì 18 luglio 2016 riporta che anche nella Corea del Nord tali isole sono considerate assolutamente coreane.

Agli studenti della Corea del Nord viene quindi insegnato che le isole di Dokdo, le più orientali della Corea del Sud, sono territorio sacro e intrinseco della Corea, mentre si rigetta la persistente rivendicazione territoriale del Giappone su quegli isolotti nel Mare Orientale (o Mar del Giappone).

La Corea del Nord ha finora aderito alla posizione della Corea del Sud che Dokdo è territorio sovrano della Corea storicamente e geograficamente, che è caduto preda dell'aggressione del Giappone e dell'occupazione della penisola coreana durante il suo passato militarista.

Secondo lo studio pubblicato dal Dokdo Research Institute della Fondazione di storia nord-est asiatica, la Corea del Nord ha insegnato agli studenti della scuola secondaria che Dokdo è un territorio sacro della penisola coreana che è appartenuto ai coreani da una generazione all'altra.

Nel libro di testo di geografia delle scuole medie nordcoreane, la Corea del Nord afferma che storicamente la Corea scoprì per prima Dokdo, ne fece il proprio territorio e proclamò al mondo di avere su di esso un potere sovrano secondo il diritto internazionale.

Ma i militaristi giapponesi sono andati platealmente affermando la loro rivendicazione territoriale su Dokdo, come viene descritto nel libro di testo citato.

Nel suo libro di testo delle scuole superiori, la Corea del Nord sottolinea che Dokdo è un territorio sacro della Corea, che non può mai essere violato da altri paesi.

Il libro di testo nordcoreano dice che i militaristi giapponesi hanno costantemente complottato per confiscare il territorio coreano di Dokdo, ma la loro ambizione non può essere per nulla realizzata.

Oltre all'istruzione scolastica, la Corea del Nord ha condotto un'educazione territoriale nei luoghi di lavoro e nelle organizzazioni di vari livelli.

Il principale quotidiano della Corea del Nord, Rodong Sinmun, organo del Partito dei lavoratori al potere nella Corea del Nord, ha pubblicato articoli su Dokdo molte volte dopo il suo primo articolo su Dokdo del giugno 1965.

Recentemente, la Corea del Nord ha accusato il Giappone di cercare di effettuare una nuova invasione della penisola coreana, sostenendo la sovranità sulle isole Dokdo.

Il Rodong Sinmun, che riflette in modo efficace il punto di vista della leadership del Nord, ha detto che gli sforzi del Giappone di invadere nuovamente la penisola coreana sono un sogno folle che non sarà mai realizzato.

Il Giappone aveva colonizzato la penisola coreana nella prima parte del 20° secolo. E poi ha invitato il paese a riflettere prima sulle atrocità disumane da esso commesse in passato invece di cercare di rivendicare Dokdo come proprio.

Più di recente, il sito di propaganda principale della Corea del Nord, Uriminzokkiri, ha denunciato il Giappone di far valere le proprie affermazioni nei confronti di Dokdo, definendolo un'affermazione "imperturbabile".

"È inutile dire che Dokdo è storicamente territorio della Corea, geograficamente e giuridicamente." ha detto "In questo contesto, la rivendicazione territoriale del Giappone su Dokdo è una sciocchezza senza alcuna prova".


Tratto dall'articolo "N. Korean students taught Dokdo is sacred territory of Korea" pubblicato dall'agenzia Yonhap.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo