Il Sud permette ai privati di mandare aiuti al Nord



Personale e volontari di ChildFund Korea salutano il 12 marzo 2014 i container diretti al Nord Corea nel porto di Incheon.
I

l governo sudcoreano ha dato il permesso di ampliare il numero delle missioni umanitarie di aiuti inviati alla Corea del Nord da parte di organizzazioni private. L'11 marzo 2014 il Ministero dell'Unificazione ha approvato la richiesta di un’organizzazione privata, l'organizzazione Human Earth (Terra Umana), di inviare aiuti umanitari al Nord. L'organizzazione invierà medicinali di base e forniture mediche, come medicine per le malattie invernali e per ridurre la  febbre, del valore di 200 milioni di Won a 19 ospedali nella regione Pyeongan meridionale in Corea del Nord.

Il mese scorso il ministero ha permesso che due organizzazioni private sudcoreane, tra cui la Fondazione Eugene Bell, di inviare alla Corea del Nord aiuti umanitari per un valore di 1,06 miliardi di Won. In base alla richiesta, le due organizzazioni invieranno nella regione Pyeongan settentrionale e alle città di Pyongyang e Nampo medicinali per bambini e farmaci anti-tubercolosi. Lo scorso gennaio il ministero ha permesso che tre organizzazioni private, fra cui Love One (Amore uno) Korea, inviassero nella regione Hwanghae settentrionale aiuti umanitari, quali ingredienti per pane ipercalorico, latte in polvere e pannolini per bambini piccoli.

Finora nel 2014 la Corea del Sud ha approvato l’invio di sei missioni umanitarie alla Corea del Nord del valore di oltre 1,9 miliardi di Won. Il ministero ha detto che accetterà altre richieste, purché queste soddisfino i requisiti stabiliti.

Alla fine di dicembre dello scorso anno 2013, il ministero ha accettato la richiesta di ChildFund Korea di inviare 179 tonnellate di farina e 20 tonnellate di fagioli in polvere per i bambini e le donne incinte della Corea del Nord (si veda la foto qui sopra). Tali forniture saranno offerte a neonati, bambini, madri e donne incinte. La Corea del Nord ha presentato in anticipo il suo piano per distribuire i rifornimenti alle organizzazioni locali. Questa è finora la più grande quantità di aiuti umanitari proveniente da un'organizzazione privata sudcoreana che raggiunga il Nord da quando è entrata in carica l'amministrazione Park Geun-hye.

La politica del ministero rispecchia la volontà dell'amministrazione di migliorare le relazioni inter-coreane. Nel discorso del nuovo anno all'inizio del 2014, la presidente Park Geun-hye ha sottolineato la necessità di costruire un fondamento per la riunificazione. Nel discorso ha detto che Seul aumenterà gli aiuti umanitari al Nord ed espanderà gli scambi interpersonali.


Tratto da “Gov’t to expand aid to N. Korea” pubblicato in data 13 marzo 2014 dal sito governativo Korea.net.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo