4 morti e 10 feriti per un'esplosione in un cantiere della metropolitana



I soccorritori cercano i sopravvissuti dopo un'esplosione in un cantiere della metropolitana a Namyangju

M

ercoledì 1° giugno 2016 quattro persone sono morte e altre 10 sono rimaste ferite in seguito a un'esplosione in un cantiere della metropolitana vicino a Seul.

Gli operai stavano saldando delle sbarre di ferro a 15 metri di profondità, quando è avvenuta l'esplosione.

Un operaio, il cui corpo è stato scagliato verso l'alto dalla forza dell'esplosione, è stato trovato fuori terra mentre altri tre sono stati trovati morti sottoterra. I funzionari hanno detto che tre dei feriti sono gravi.

La causa dell'esplosione non è nota. Un funzionario dei vigili del fuoco di Namyangju ha detto che sarebbe esploso un serbatoio di gas utilizzato per le operazioni di saldatura.

L'incidente è l'ultimo di una lunga lista di incidenti mortali in Corea del Sud, dove, nonostante un periodo di esame di coscienza dopo il disastro del traghetto Sewol nel 2014, nel quale sono morti più di 300 giovani studenti in gita, i problemi di sicurezza continuano ad essere trascurati.

Sabato 28 maggio c'è stata un'indignazione pubblica per la morte di un operaio diciannovenne che è stato colpito da un treno della metropolitana, mentre stava facendo lavori di manutenzione sulle porte di una piattaforma della stazione di Seul. I critici hanno messo in discussione le politiche del lavoro di Seoul Metro, l'operatore della metropolitana, chiedendo il motivo per cui l'uomo stava lavorando da solo quando le norme di sicurezza richiedono che ci siano almeno due persone per tali lavori.

Gli analisti dicono che molti problemi di sicurezza nel paese sono causati da poca regolamentazione e grande ignoranza in materia di sicurezza in generale e la tendenza a dare importanza al progresso economico su tutto il resto.


Tratto da varie fonti il 1° giugno 2016.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo