Economia e commercio

Sviluppo delle infrastrutture


Argomenti compresi in questa pagina:
Altre pagine di informazioni che hanno attinenza con l'argomento “Infrastrutture” si possono raggiungere selezionando uno dei titoli seguenti.

Nasce un nuovo mega porto
Kwangyang si sta preparando a diventare un porto logistico internazionale, come Hong Kong, Singapore o Rotterdam.

Inaugurata la più grande centrale fotovoltaica dell’Asia
A Sinan-gun, nella regione Jeollanam-do, è stata costruita una centrale fotovoltaica in grado di fornire 35.000 MW di energia all'anno.

La centrale elettrica mareale di Sihwa
Il moto delle maree può essere sfruttato per produrre energia elettrica. A Sihwa è in costruzione quella che sarà una delle più grandi centrali elettriche mareali del mondo.

Avanti con le energie rinnovabili: la nuova centrale eolica di Seokbo
Nel villaggio di Seokbo il vento è sempre stato un elemento di disturbo. Ora, con la costruzione di una grande centrale eolica, sta diventando una fonte di guadagno.

La metropolitana di Seul
Un’informazione indispensabile per chi debba visitare la capitale sudcoreana e prendere la metropolitana, una delle più trafficate al mondo.

L’aeroporto internazionale di Incheon proclamato primo per il quinto anno consecutivo
Il principale aeroporto della Corea è stato dichiarato primo al mondo anche per il 2009 grazie all'eccellenza dei suoi servizi.

Lavorare meglio in centri decentrati “smart”
Il lavoro d’ufficio in Corea sta per subire grandi cambiamenti con l’adozione del “lavoro smart”, in uffici decentrati o a casa propria.

Rapporto di Akamai sullo stato di Internet: la Corea del Sud corre, l’Italia arranca
Nel quarto trimestre del 2010 la Corea è risultata prima al mondo per quanto riguarda la velocità dei collegamenti Internet.

Un grandioso progetto di bonifica cambia ancora nome e finalità
Nel 2010 è stata completata la prima fase del grande progetto di bonifica iniziato 20 anni fa nella baia di Sihwa. Uno sguardo a quello che seguirà, fino al 2040.

La metropolitana di Seul si espande ancora
La metropolitana di Seul, che è la terza al mondo come numero di passeggeri trasportati, si espande ancora con altre linee verso le città satelliti della capitale.


Edilizia pubblica

Il formidabile sviluppo industriale della Corea del Sud negli ultimi trent'anni è andato di pari passo con lo sviluppo delle infrastrutture del paese, a cominciare dalla capitale, Seul, i cui grattacieli e grandi alberghi sono stati costruiti proprio negli ultimi trent'anni. Seul era una città di casette basse, col solo pian terreno, che, nell'aspetto, si discostava poco da una cittadina agricola, se non per il numero di abitanti. Alla fine della seconda guerra mondiale contava ottocentomila abitanti: oggi supera i tredici milioni di abitanti e comprende nella sua area metropolitana il quaranta per cento della popolazione nazionale.

Rete stradale

Evidentissimo è stato in questi anni lo sviluppo delle comunicazioni stradali. Nel 1965, quando l'autore di questo sito si trovava in Corea, non c'erano strade asfaltate che collegassero le varie città e mancavano quasi del tutto i ponti. Nella stessa capitale c'era poco più di un chilometro di strada asfaltata e c'era un solo ponte che attraversava il fiume Han. La costruzione della prima autostrada, che doveva collegare la capitale Seul a Pusan, il più grande porto della Corea situato nella punta meridionale del paese, iniziava dopo pochi anni e veniva inaugurata prima del 1970. Nello stesso periodo partiva il progetto di modernizzazione con il movimento Sae maŭl (“nuovo villaggio”) promosso dal presidente Park Chung-hee.

Trasporti pubblici

Oggi il paese è dotato di una efficiente rete stradale, la capitale ha una metropolitana invidiabile, e la rete ferroviaria si è globalmente rafforzata in attesa di potersi collegare con il resto dell'Asia attraverso la Corea del Nord. Un'accorta politica di lavori pubblici ha risvegliato il paese e ha favorito lo sviluppo delle industrie che stanno invadendo i mercati mondiali con i loro prodotti, dalle automobili all'elettronica, dalle navi ai bulldozer.


Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo