LED e reti intelligenti


L

a Corea del Sud è forte nelle industrie del LED e delle reti intelligenti (smart grids). Dal momento che si pensa che queste industrie saranno le principali nel mondo del futuro, il governo coreano non si è risparmiato sforzi e denaro nelle ricerche e sviluppo e nella creazione di un mercato per tali industrie. Il supporto del governo per le industrie delle reti intelligenti e dei LED non farà che espandersi.

Nel corso della quindicesima riunione del Comitato presidenziale sulla crescita verde, il Primo Ministro Kim Hwang-sik ha verificato il progresso dell’industria dei LED e ordinato lo sviluppo di misure di supporto. “La chiave per una crescita verde” ha detto il Primo Ministro “è quella di promuovere e sviluppare la tecnologia adatta, in particolar modo le industrie delle reti intelligenti e dei LED, che possono essere globalmente guidate dalla Corea. Per poter puntare verso il mercato mondiale con una capacità tecnica rinforzata e una creazione di mercato attivata, il governo coreano ha bisogno di incoraggiare questo tipo di industrie.”

Le reti intelligenti sono la prossima generazione delle reti elettriche che ottimizzano l’efficienza energetica usando la tecnologia digitale. Permettono un consumo più efficiente dell’energia consentendo lo scambio di informazioni in tempo reale fra consumatori e fornitori di energia servendosi della tecnologia informatica. Per esempio, gli utenti possono scaricare energia quando i prezzi sono inferiori per utilizzarla poi nei momenti in cui le tariffe sono più alte del normale.

Inoltre i consumatori possono anche monitorare il proprio consumo di energia, così da partecipare volontariamente al risparmio di corrente elettrica. Dal momento che le innovazioni delle reti intelligenti riducono il consumo di corrente, sono considerate come una delle tecnologie verdi rappresentative. La Corea detiene attualmente il primato mondiale nell’industria delle reti intelligenti e già in occasione del vertice del G7 nel 2009 era stata designata come paese guida in questo campo.


L’Esposizione mondiale delle reti intelligenti si è tenuta in Corea nel novembre 2011. Qui l’esempio di una stazione di ricarica per auto elettriche.

Il governo coreano ha sostenuto attivamente l’industria delle reti elettriche intelligenti, stabilendo nel 2010 un percorso nazionale per il sostegno di questa industria, ed emanando per la prima volta al mondo una “Legge speciale sulla istituzione e il supporto delle reti intelligenti”. Nell’isola di Jeju-do è stato costruito il più grande banco di prova del mondo, in cui si sviluppa un modello commerciale e si valuta il risultato degli sviluppi tecnologici.

Il governo ha anche espanso il supporto all’industria delle reti intelligenti per incentivarla come forza motrice della nazione, cercando di dominare il mercato mondiale in anticipo. Si sta pianificando di creare un mercato iniziale espandendo la fornitura di contatori intelligenti, stazioni di ricarica dei veicoli elettrici, e sistemi di immagazzinamento di energia. Ci si aspetta che il governo non si fermi lì, ma che possa anche interessarsi ad altre industrie in relazione con queste.

Il contatore intelligente (smart meter), essenzialmente un’infrastruttura avanzata di misurazione (AMI: Advanced Metering Infrastructure), può essere descritto come una “scatola dei fusibili digitale”. Collega in tempo reale i consumatori con un’azienda fornitrice di energia elettrica in modo che i consumatori possono monitorare la quantità di elettricità che stanno usando e calcolare le tariffe elettriche stimate. Questo permette loro di controllare il proprio uso dell’energia elettrica, specialmente negli orari in cui costa di più, fornisce loro vantaggi economici e riduce il peso sulla rete elettrica per la fornitura di corrente nelle ore di punta. Il governo ha in piano l’espansione del numero di contatori intelligenti forniti, da 720.000 nel 2011 a 10 milioni.

Dal momento che in tutta la Corea ci sono attualmente meno di 500 stazioni di ricarica per i veicoli elettrici, il governo ha progettato di aumentare il numero delle stazioni di ricarica portandole a 150.000 entro il 2016. L’idea è quella di potenziare il mercato dei veicoli elettrici espandendo il numero delle stazioni di ricarica. Entro il 2012 si dovrebbe anche pianificare la creazione di un’infrastruttura di stazioni di ricarica a livello nazionale.

Il governo ha anche condotto dal 2008 un progetto per il potenziamento dell’industria dei LED. Grazie a questi sforzi, la capacità tecnica di tale industria è migliorata. La Corea è riuscita a produrre in loco alcune parti chiave dell’illuminazione a LED e dei chip a LED, come MOCVD (metal organic chemical vapor deposition). Ha anche migliorato il sistema di accreditamento per i prodotti LED, stabilendo uno standard di accreditamento per alta efficienza per 17 tipi di prodotti LED.

La bilancia commerciale dell’industria LED è continuamente migliorata. Nel 2010 la Corea ha avuto un surplus commerciale di 420 milioni di dollari USA e nel 2011 ha registrato un surplus commerciale di 1,1 miliardi di dollari. L’esportazione di prodotti LED è aumentata da 960 milioni di dollari USA nel 2008 a 3,5 miliardi di dollari nel 2011.

Il governo sta rinforzando il supporto costituzionale per l’industria dei LED. Per prima cosa espanderà il mercato. Entro il 2012 designerà due o tre città come città modello per l’uso dei prodotti LED. Sarà anche aumentato l’uso di prodotti LED negli edifici di appartamenti. In particolare, il governo sta rivedendo alcuni piani per rendere obbligatoria l’installazione di prodotti LED nei luoghi comuni, come parcheggi sotterranei negli edifici di appartamenti. Si pensa che questo sarà anche applicato per altri edifici, come gli ospedali e i grandi supermercati.

Il governo sta espandendo la ricerca e lo sviluppo per l’industria dei LED per assicurare in anticipo il proprio dominio nel mercato globale, migliorando la tecnologia e le tecniche delle aziende coreane. Sta mettendo a fuoco in particolare il proprio supporto sulla “tecnologia dei sistemi di illuminazione a LED”. Questa tecnologia crea un ambiente di illuminazione a misura d’uomo, mediante sensori e driver intelligenti. Inoltre, il governo espanderà anche fino al 40% il tasso di partecipazione delle piccole e medie imprese nei progetti di ricerca e sviluppo nelle otto parti chiave dell’illuminazione LED, come i moduli dei sensori e i driver.


Tratto da “LEDs and smart grids: keys to Korea's green technology”, pubblicato nel sito Korea.net l’8 marzo 2012. Qui pubblicato con autorizzazione del Korea Culture and Information Service. Riferimento: Korea.net.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo