Noryangjin, il mercato del pesce di Seul


C’

è un posto a Seul dove chi ama il mare e i suoi prodotti si può trovare a proprio agio: è il mercato del pesce di Noryangjin. È facilmente raggiungibile con la linea 1 della metropolitana: come si esce dalla stazione, si passa sul ponte che attraversa la strada e si prende il passaggio che porta al mercato. Probabilmente a quel punto sarà il naso a guidarvi nella direzione giusta perché, naturalmente, nella zona si diffonde un forte odore di mare e si sente anche un gorgogliare d'acqua.

L'esterno del mercato di Noryangjin

Anche se nulla è così piacevole quanto gustare pesce crudo seduti di fronte al mare, è comunque una fortuna che a Seul vi sia un mercato del pesce dove si possono trovare tutte le specie di prodotti marini, dalle sogliole alle cernie, dai cefali ai calamari, dagli sgombri alle oloturie (cetrioli di mare).

L'atmosfera del mercato del pesce di Noryangjin è diversa da quella del mercato del pesce del quartiere Kwanggang-ni di Pusan. Nel mercato di Seul si sente quella che si potrebbe definire un'aria di dignitosa maturità. È piuttosto difficile passeggiare tranquillamente nel mercato senza che i venditori, dai loro banchetti, non vi decantino la freschezza della loro merce e la vantino come la migliore del mercato. Veramente, non si ha che l'imbarazzo della scelta, tanta è la quantità e la freschezza della merce a disposizione.

Pesce fresco al pianterreno del mercato

Se ci si ferma di fronte a uno dei negozietti, si potrà scegliere il pesce che si desidera: il venditore lo tirerà fuori con un retino da un recipiente pieno d'acqua di mare. Il pesce è vivo e vivacissimo nella rete, a dimostrare il suo ottimo stato di salute. Il proprietario del banchetto provvede a pulire e tagliare in filetti il pesce, con mosse precise e veloci.

In passato la zona di Noryangjin era chiamata Nodŭlnaru, con riferimento ai salici che vi crescevano abbondanti. Centro commerciale fin dai tempi antichi, è ancora oggi un nodo di trasporti. Il ponte sul fiume Han unisce Yongsan a Noryangjin, mentre la stazione di Noryangjin della linea metropolitana Seul-Inch'ŏn separa i quartieri settentrionali da quelli meridionali di Seul. E, quando la linea 9 della metropolitana di Seul sarà stata completata nel 2004, Noryangjin si troverà al centro del traffico che scorre dalle zone orientali a quelle occidentali della città, rendendo ancora più importante questa zona per il commercio.

Negozietti che vendono pesce d'acqua dolce

La storia di questo mercato risale al 1937, quando fu creata l'azienda di prodotti del mare Kyŏngsŏng come filiale del Mercato di pesce all'ingrosso di Kyŏngsŏng-bu. Inizialmente il mercato si trovava nella zona di Wijuro, ma fu spostato a Noryangjin nell'aprile del 1975 e da allora funziona sia come mercato di pesce all'ingrosso, che come mercato al dettaglio.

Circa il 60 per cento di tutti i prodotti della pesca consumati a Seul passano attraverso il mercato del pesce di Noryangjin. Come costruzione, il mercato è formato da due piani, un piano terra e un primo piano. Il piano terra comprende un'area di 6.950 metri quadrati per le vendite all'asta e circa 700 negozi, mentre i negozi di pesce secco e i ristoranti di pesce crudo si trovano al secondo piano.

A un cliente che sta cercando del pesce da consumare
crudo, un venditore suggerisce l'acquisto di un ippoglosso

I prodotti che vi sono venduti provengono da 15 porti, lungo le coste, quella occidentale, quella orientale e quella meridionale, compresi i porti di Pusan, Masan, Samch'ŏnp'o, Mokp'o, P'ohang e Cheju. Assieme al pesce che viene portato dai vascelli da pesca d'alto mare, ogni giorno i prodotti del mare che vengono venduti al mercato di Noryangjin si aggirano sulle 350-400 tonnellate.

A notte fonda, quando la maggior parte della gente dorme, il mercato di Noryangjin è vivo con un fermento di attività frenetiche, dinamiche come quelle che si vedono di giorno. Le transazioni commerciali del mercato all'ingrosso, che avvengono dalle 2 di notte alle 7 del mattino, creano scene interessanti e non comuni di gente che compra e vende il pesce fresco che sarà servito nei ristoranti di pesce crudo a Seul. La vendita al dettaglio inizia alle 7, dopo la chiusura del mercato all'ingrosso.

Uno dei tavoli dei ristoranti di pesce crudo al secondo piano.
Si noti che i tavoli sono bassi e ci si siede sul pavimento.

Per soddisfare l'appetito dopo avere annusato l'aria salmastra del mercato, niente di meglio che comprare qualche pesce fresco e salire al secondo piano dove vi sono i ristoranti di pesce crudo. In pochi istanti vi verrà servito il pesce che avete appena acquistato. Si può gustare una quantità di pesce crudo al ristorante, pagando solo per i condimenti. Il mercato di Noryangjin è il luogo dove dei perfetti estranei possono sedersi a tavola assieme e consumare il pesce in un'atmosfera vivace.

Il pesce nella dieta coreana è molto importante. Anche se forse la maggior parte dei turisti pensa che la carne alla brace, il cosiddetto pulgogi, sia il piatto più noto, in realtà nelle case coreane quello che si consuma preferibilmente al mattino è il pesce alla brace. L'odore che si diffonde in casa all'alba stuzzica l'appetito e predispone al consumo di una prima colazione abbondante che, oltre al riso, presenta una minestra, il suddetto pesce secco cotto alla fiamma, e vari condimenti salati, fra cui non manca il kimchi, ben pepato.

Il venditore prepara il pesce con poche mosse rapide e precise

Il mercato del pesce è quindi uno dei luoghi più visitati da parte dei coreani e uno di quelli più caratteristici per uno straniero che non sia dichiaratamente vegetariano. È sicuramente interessante per passarvi un po' di tempo, per caricarsi di energie e rendersi conto di quanto grande sia l'importanza dei prodotti marini per un paese come la Corea.


Tratto da “Noryangjin, Fisheries Market”, in Koreana, vol.15, n.4, inverno 2001. Testo originale di Kim Mi-ok. Pubblicato con autorizzazione della Korea Foundation, che si riserva il copyright sull'intero contenuto della rivista. Riferimento: Koreana.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo