La Corea del Sud comunica la morte del sesto paziente di MERS



Un cartello esposto davanti a una scuola elementare di Seul vieta ai genitori dei bambini di entrare nella scuola

L

unedì 8 giugno 2015 la Corea del Sud ha comunicato la morte per Sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) del sesto paziente, con 23 nuovi casi che hanno portato a 87 il numero totale di persone alle quali è stata diagnosticata la malattia.

Secondo il Ministero della Salute, l'uomo era uno dei sei nuovi pazienti infettati durante il soggiorno o una visita a due ospedali di Daejeon.

Gli altri 17 sono stati infettati durante una visita al Samsung Medical Center di Seul, uno degli ospedali del paese che sono stati colpiti dalla malattia respiratoria acuta.

I 23 nuovi casi includono anche un adolescente, che segna la prima infezione di uno studente, mentre oltre 1.800 asili e scuole in tutta la nazione stanno osservando una chiusura temporanea volta a prevenire la diffusione della malattia tra i loro allievi.

Nonostante un ulteriore caso di decesso da MERS, il tasso di mortalità della malattia in Corea del Sud è stato ridotto a circa il 6,9 per cento dal 7,8 per cento del giorno prima, dal momento che il numero totale delle persone a cui è stata diagnosticata la malattia è arrivato a 87.

Per evitare una ulteriore diffusione della malattia, il governo ha rivelato la lista dei 29 ospedali colpiti da MERS quasi 20 giorni dopo che il paese ha confermato la prima volta un caso MERS il 20 maggio.

Il rilascio della lista è stato deciso dal momento che si ritiene che tutti i casi confermati si siano verificati negli ospedali.

Il ministero della salute sostiene che deve ancora confermare che tutte le trasmissioni siano avvenute attraverso un contatto casuale tra la gente, anche se è consigliabile evitare grandi raduni pubblici.

Un avviso che vieta ai genitori degli scolari di entrare nella scuola è stato affisso sul cancello principale di una scuola elementare a Seul l'8 giugno 2015.

Lunedi 8 giugno il ministero della salute ha detto che 2.508 persone sono state poste in isolamento negli ospedali statali o presso le loro case per una possibile infezione dopo essere venute in contatto con un paziente MERS.

MERS è una malattia respiratoria virale che ha avuto un tasso di mortalità molto alto di oltre il 40 per cento a livello globale prima di manifestarsi in Corea del Sud.

La Corea del Sud sta lottando per trovare il motivo della diffusione della malattia che è stata segnalata in soli 23 altri paesi del mondo, con oltre il 90 per cento di tutti i casi confermati riportati in Arabia Saudita.

Un team di esperti medici dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dovrebbe arrivare in Corea nel corso della giornata per aiutare a trovare risposte. La direttrice generale dell'OMS, Margaret Chan, ha detto che gli esperti formeranno una squadra congiunta con i funzionari della Corea del Sud per aiutare a cercare modi per prevenire l'ulteriore diffusione della malattia nel paese.


In data 12 giugno la Corea conferma la morte per MERS dell'undicesimo pazienze. Nel frattempo sono arrivate a 126 le persone alle quali è stata diagnosticata la malattia. Cliccare qui per accedere all'articolo in inglese.

Vedere la pagina "La missione comune Corea - WHO annuncia il risultato dell'ispezione MERS" del 14 giugno 2015.


Tratto dall'articolo "S. Korea reports sixth death from MERS, 23 new cases " pubblicato da Yonhap News l'8 giugno 2015.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo