La presidente Park parla alla nazione del disastro del traghetto Sewol

 In memoriam

Dopo Sewol, un rimpasto di governo

Questo articolo è stato completamente riscritto il 22 maggio in base a un nuovo e più completo rapporto sul discorso della presidente Park.



La presidente Park si rivolge alla nazione in un discorso alla televisione parlando del disastro del traghetto Sewol (Cliccare sull’immagine per vedere il nuovo articolo originale in inlgese)

“U

na presidente Park Geun-hye in lacrime ha pronunciato lunedì 19 maggio un nuovo discorso di scuse per la risposta confusa del governo al naufragio mortale del traghetto Sewol, promettendo riforme profonde per rendere la Corea del Sud una nazione più sicura in cui vivere, compreso lo smantellamento della Guardia Costiera e la creazione di un nuovo ministero per la sicurezza.

Il discorso televisivo a livello nazionale è venuto un mese dopo che il traghetto Sewol è affondato il 16 aprile, lasciando più di 300 persone, in gran parte studenti delle scuole superiori, morti o dispersi e l'intera nazione in lutto che si chiede amaramente perché non si siano potute salvare più vite.

"Come presidente responsabile della vita e della sicurezza delle persone, offro sentite scuse per i dolori che il popolo ha sofferto", ha detto Park. "La responsabilità ultima per non aver risposto correttamente a questo incidente è mia".

La rabbia dell’opinione pubblica è stata alta tra le critiche che la risposta del governo al naufragio è stata lenta e disorganizzata e che più vite si sarebbero potute salvare se la cosa fosse stata gestita bene. Sono anche stati condannati i controlli di sicurezza sommari sulla nave, l’insufficiente formazione sulla sicurezza per l'equipaggio e altri problemi.

La crisi ha inferto un duro colpo alla leadership di Park, portando i suoi indici di gradimento a uno dei livelli più bassi da quando è entrata in carica lo scorso anno. Veglie a lume di candela ricordando le vittime si sono spesso trasformate in proteste contro la presidente Park e il suo governo.

Park ha anche chiesto scusa più volte, ma è stata sotto pressione perché chiedesse nuovamente scusa, in quanto le scuse precedenti erano indirette e non abbastanza formali, in quanto erano venute nel corso di una riunione di gabinetto, in un incontro a pranzo con un gruppo di leader religiosi e in un discorso alla cerimonia del natale del Budda.

Gli occhi di Park si sono riempiti di lacrime alla fine del discorso quando ha pronunciato uno per uno i nomi degli insegnanti e dei membri dell'equipaggio che sono morti nel tentativo di salvare altre persone durante l'affondamento, così come il nome di un sommozzatore che è morto durante le operazioni di ricerca nella nave affondata.

"Credo che questi siano i veri eroi del nostro tempo." ha detto con la voce rotta dall'emozione e le lacrime che le scendevano lungo le guance.

La presidente Park ha presentato un pacchetto di rimedi per aggiornare le norme di sicurezza e per porre fine alla corruzione che le mina, compresa la decisione di smantellare la Guardia Costiera che ha risposto male al disastro. Ha detto che i doveri e le responsabilità della Guardia Costiera saranno trasferiti ad altre agenzie, tra cui il ministero della sicurezza nazionale, da istituire.

"Nell’incidente del Sewol la Guardia Costiera ha omesso di svolgere i suoi compiti originali. Se avesse effettuato attivamente le attività di soccorso subito dopo l'incidente, sarebbe stato possibile ridurre notevolmente i sacrifici di vite umane." ha detto. "La Guardia Costiera ha praticamente fallito il proprio compito."

I relativi compiti di indagine della Guardia Costiera saranno trasferiti all'Agenzia nazionale di polizia, mentre le responsabilità di sicurezza marittima, di soccorso e di guardia saranno passati al ministero della sicurezza nazionale, ha detto Park. Ha poi aggiunto che il ministero previsto si assumerà anche i compiti di sicurezza marittima del ministero marittimo e del ministero degli affari interni.

La presidente Park considera l'incidente come una combinazione di irregolarità in corso da lungo tempo e di una corruzione profondamente radicata in molti angoli della società sudcoreana, come il fatto di sminuire e trascurare le norme di sicurezza per ridurre i costi, e i legami collusivi fra gli enti di controllo e le imprese.

La scorsa settimana ha anche detto che il rapido sviluppo economico della Corea del Sud ha lasciato il paese ossessionato dal materialismo e con l'accento sulla convenienza rispetto alla sicurezza, il che porta alla creazione di "sistemi, pratiche e una cultura anormali", che ora minacciano il paese.

"Questo incidente ha dimostrato quale grande calamità possa essere causata dalla pratica abnorme della collusione tra il governo e la popolazione civile" e la cultura radicata di mettere i rapporti personali e di altro tipo prima dei propri doveri d’ufficio, ha detto Park.

Park ha promesso di riorganizzare la burocrazia per porre fine a tali pratiche come quella che funzionari governativi in pensione passino a lavori volti a tutelare gli interessi delle imprese. La pratica è stata incolpata di favorire intrallazzi tra controllori e imprese, contribuendo a controlli di sicurezza sciatti sul Sewol.

Park ha detto che non nominerà funzionari di governo che siano inclini alla corruzione alla guida di organizzazioni e ministeri che hanno il compito di sovrintendere alle norme di sicurezza. E ha aggiunto che il governo inoltre inasprirà per i funzionari governativi le restrizioni di assumere dopo il pensionamento lavori che siano in relazione con i loro precedenti doveri. Tali funzionari sono stati denunciati come "mafia burocratica ".

"Al fine di metter fine agli effetti nocivi della mafia burocratica e di riformare fondamentalmente la burocrazia, effettuerò rinnovamenti dal punto della nomina al punto del pensionamento per rendere la burocrazia più aperta e dotata di esperienza", ha detto la presidente.

Park ha anche proposto che l'Assemblea Nazionale promulghi una legge speciale che autorizzi l'istituzione di una commissione d'inchiesta incaricata di indagare tutti i sospetti di corruzione e altre irregolarità relative al disastro del traghetto.

"Il naufragio del traghetto Sewol sarà registrato come una ferita difficile da rimuovere nella nostra storia", ha detto. "Tuttavia, se costruiamo una Repubblica di Corea veramente sicura, potrà anche essere registrato come l’inizio di una nuova storia. Credo che queste pesanti responsabilità siano date a tutti noi."


Pubblicato inizialmente il 19 maggio 2014 e riscritto completamente il 22 maggio..

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo