La Corea del Sud minaccia di ridurre Pyongyang in cenere



L'hotel Ryugyong di Pyongyang

S

econdo un rapporto dei media, il governo di Seul ha messo a punto un piano per cancellare dalla faccia della terra la capitale della Corea del Nord. La Corea del Sud ha detto che, se ci dovesse essere una minaccia nucleare imminente, distruggerebbe tutte le parti della città.

L'agenzia stampa sudcoreana Yonhap ha detto domenica 11 settembre 2016 che in caso di un possibile attacco dal Nord, Seul è pronta a usare intensi bombardamenti per eliminare Pyongyang, la capitale della Corea del Nord, dalla mappa.

"Non appena il Nord mostrasse i segni di voler usare di un'arma nucleare, ogni quartiere di Pyongyang, in particolare dove la leadership della Corea del Nord è possibilmente nascosta, verrà completamente distrutto da missili balistici e bombe ad alto esplosivo. In altre parole, la capitale del Nord sarà ridotta in cenere e rimossa dalla mappa ", ha detto la fonte Yonhap.

Informazioni sull'operazione dettagliata dei bombardamenti sono emerse dopo che il ministero della difesa del Sud ha pubblicato il piano di punizione massiccia e rappresaglia della Corea (Korea Massive Punishment and Retaliation KMPR) all'assemblea nazionale del paese. L'operazione sarebbe particolarmente indirizzata a colpire il leader Kim Jong-un e i membri delle alte sfere di governo.

'L'angelo custode'

Mentre il Sud non ha armi nucleari proprie, minaccia di ottimizzare l'utilizzo del suo arsenale di armi convenzionali. La fonte ha osservato che "il KMPR è il concetto di operazione massima che i militari possono avere in assenza delle proprie armi nucleari".

Il Sud ha messo a punto uno scenario in cui mobiliterebbe il suo arsenale di missili balistici da superficie a superficie Hyanmoo ("angelo custode dei cieli del nord") . I missili, che devono essere ulteriormente sviluppati e testati il prossimo anno, hanno una portata fino a 1.000 km (621 miglia).

Il Nord si fa beffe della minaccia di sanzioni

Una fonte separata ha detto a Yonhap che i militari sudcoreani hanno lanciato una speciale unità operativa dedicata a distruggere la leadership militare della Corea del Nord.

Domenica 11 settembre La Corea del Nord ha detto che lo sforzo di provvedere sanzioni alle Nazioni Unite dopo il suo quinto e più grande test nucleare è "ridicolo".

Venerdì 9 settembre 2016 il Nord ha fatto esplodere la sua più potente bomba nucleare ad oggi, dicendo che aveva sviluppato l'esperienza necessaria per dotare un missile balistico di una testata nucleare.

La Corea del Nord domenica ha ribadito che dovrebbe essere riconosciuta come stato nucleare, individuando in particolare il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per la critica. Il Nord dice che i test missilistici e nucleari le sono necessari per poter affrontare una minaccia nucleare degli Stati Uniti alla sua indipendenza.

"Obama sta cercando con tutte le forze di negare la posizione strategica della Corea del Nord come stato legittimo con armi nucleari, ma questo è "un atto insensato come cercare di eclissare il sole con il palmo della mano", dice un comunicato del Ministero degli Esteri nordcoreano citato dall'agenzia di stampa ufficiale KCNA del Nord Corea.


Tratto da "South Korea threatens to reduce Pyongyang to 'ashes'" pubblicato in data 11 settembre 2016.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo