Cultura

I siti «Patrimonio dell’umanità»

Nota: Cliccando su un carattere cinese studiato nelle scuole medie ne viene visualizzata la scheda.


Argomenti compresi in questa pagina (in ordine cronologico di designazione da parte dell'UNESCO):
Siti culturali
Siti naturali
L’elenco UNESCO in inglese dei siti «Patrimonio dell’umanità» della Corea del Sud si raggiunge cliccando qui. Altre pagine di informazioni che hanno attinenza con l'argomento “Siti «Patrimonio dell’umanità» in Corea del Sud” si possono raggiungere selezionando uno dei titoli seguenti.

L’UNESCO dichiara Patrimonio dell’umanità le tombe reali della dinastia Yi di Joseon
Le tombe reali della dinastia Yi di Joseon, 40 siti con le tombe di re, regine e principi, sono stati dichiarati Patrimonio dell'umanità il 27 giugno 2009.

Salvare la cultura vivente della Corea
Nella riunione del 28 settembre - 2 ottobre 2009 l’UNESCO ha accolto nell’elenco dei patrimoni immateriali dell'umanità altre cinque tradizioni popolari della Corea.

Altre tradizioni coreane nella lista dell’UNESCO
Nella riunione del 17 novembrfe 2010 l’UNESCO ha accolto nell’elenco dei patrimoni immateriali dell'umanità tre pratiche culturali della Corea, i canti lirici tradizionali gagok, la carpenteria tradizionale daemokjang e la falconeria.

Invocare misericordia dalla dea del vento. I riti sciamanici Yeongdeung dell’isola di Jeju
Descrizione giornalistica di uno dei riti sciamanici di Jeju-do, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Nuove proposte coreane per l’UNESCO
La Corea ha chiesto di includere fra i beni immateriali patrimonio dell’umanità le rappresentazioni di funambolismo tipiche della Corea e le arti marziali di stile taekkyeon. Oltre a questi due, l’UNESCO ha accettato come tipica anche tessitura del ramiè.

Il palazzo reale Gyeongbokgung
Un piccolo viaggio nel mondo raccolto di uno dei palazzi reali della Corea.

Arirang iscritto nell’elenco dei patrimoni culturali dell’UNESCO
Breve resoconto dell’iscrizione di Arirang negli elenchi dell’UNESCO e una rappresentazione della cantante Lee Chun-hee.

Le scuole confuciane Seowon, meraviglie poco note della Corea
L'Amministrazione dei beni culturali della Corea propone che nove scuole confuciane tradizionali siano iscritte nella lista UNESCO dei tesori mondiali.

La nongak, musica campestre coreana, è stata aggiunta all'elenco dei patrimoni culturali immateriali dell’UNESCO
Un articolo sulla musica campestre coreana, ora iscritta nella lista UNESCO dei tesori mondiali immateriali.

Il tiro alla fune tradizionale della Corea elencato dall'UNESCO
Anche la tradizione contadina del tiro alla fune è ora iscritta nella lista UNESCO dei tesori mondiali immateriali.

La tomba del re Injo ora aperta al pubblico
La tomba del re Injo parzialmente restaurata e ricostruita è stata riaperta al pubblico.


Siti culturali

Il tempietto in grotta Seokguram e il tempio Bulguksa

Fondato nell’ottavo secolo sulle pendici del monte Toham (토함산 ), il tempietto in grotta Seokguram (석굴암 窟庵) contiene una statua monumentale del Budda che guarda verso il mare nella posizione bhumisparsha mudra. Con i circostanti ritratti di deità, Bodhisattva e discepoli, tutti scolpiti realisticamente e delicatamente in alto e basso rilievo, è considerato un capolavoro dell’arte buddista in Estremo Oriente. Il tempio di Bulguksa (불국사 ), costruito nel 774, e il tempietto in grotta Seokguram formano un complesso architettonico religioso di eccezionale significato.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese
Nel visitare le suddette pagine, non mancate di cliccare in basso sul primo dei Link per vedere le foto a 360 gradi dei luoghi

I depositi delle matrici del Tripitaka Koreana nel tempio Haeinsa

Il tempio di Haeinsa (해인사 ), sul monte Gaya (가야산 伽倻), è il luogo in cui si trova il Tripitaka Koreana, la più completa collezione di testi buddisti, incisi su 80.000 blocchi lignei tra il 1237 e il 1248. Gli edifici Janggyeong Panjeon (장경판전 殿), che risalgono al XV secolo, furono costruiti per ospitare i blocchi di legno che sono anche considerati eccezionali opere d’arte. Come più antichi edifici di custodia del Tripitaka, rivelano una sorprendente maestria nell’invenzione e nella realizzazione delle tecniche conservative usate per immagazzinare questi blocchi di legno.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese

Il sacrario di Jongmyo

Jongmyo (종묘 ) è il più antico e il più autentico dei santuari confuciani reali che siano stati conservati finora. Dedicato agli antenati della dinastia Yi di Joseon (1392–1910), l’edificio è esistito nella forma attuale a partire dal sedicesimo secolo e ospita tavolette che portano gli insegnamenti dei membri della precedente famiglia reale. In questo luogo si tengono ancora cerimonie rituali che uniscono musica, canto e danza, perpetuando una tradizione che risale al quattordicesimo secolo.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese

Il complesso dei palazzi Changdeokgung

All’inizio del quindicesimo secolo il re Taejong (태종대왕 ) ordinò la costruzione di un nuovo palazzo in un sito favorevole. Per la creazione del complesso fu istituito un apposito Ufficio per la costruzione del palazzo. Changdeokgung (창덕궁 ) è costituito da numerosi edifici ufficiali e residenziali disposti in un giardino che fu abilmente adattato alla topografia irregolare del luogo che si estende su una superficie di 58 ettari. Il risultato è un esempio eccezionale di architettura e di progettazione di un palazzo estremo-orientale, che si integra armoniosamente con il paesaggio circostante.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese

La fortezza di Hwaseong

Quando il re Jeongjo (정조 ) del periodo Joseon spostò la tomba di suo padre a Suwon alla fine del diciottesimo secolo, la circondò con forti opere di difesa, la fortezza Hwaseong (화성 ) progettata secondo i suggerimenti di un influente architetto militare del suo tempo, che utilizzò gli ultimi ritrovati dell’Oriente e dell’Occidente. Le mura imponenti, che si estendono per circa 6 chilometri, resistono ancora oggi. Sono interrotte da quattro porte e sono fornite di bastioni, torri di artiglieria e altre strutture tipiche.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese

Le aree storiche di Gyeongju

Le aree storiche di Gyeongju (경주 ) contengono una notevole concentrazione di magnifici esempi di arte buddista coreana sotto forma di sculture, bassorilievi, pagode e resti di templi e palazzi, rialenti specialmente fra il settimo e il decimo secolo.

I numerosi siti e monumenti hanno un significato eccezionale nello sviluppo dell’architettura buddista e secolare in Corea. La penisola coreana fu per circa mille anni sotto il dominio del regno di Silla e i siti e i monumenti a Gyeongju e nelle zone circostanti presentano una notevole testimonianza delle sue conquiste culturali.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese

I dolmen di Gochang, Hwasun e Ganghwa

I cimiteri preistorici di Gochang, Hwasun e Ganghwa (고창 화순 강화) contengono varie centinaia di dolmen, monumenti funerari e rituali costruiti con grandi tavole di pietra e risalenti al primo millennio a.C. Fanno parte della cultura megalitica presente in molte parti del mondo, ma in nessun altro luogo in forma così concentrata e così vividamente illustrata.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese

Siti naturali

L’isola vulcanica di Jejudo e le sue gallerie di lava

L’isola vulcanica di Jejudo (제주도 ) e le sue gallerie di lava comprendono tre siti disposti su 18.846 ettari. Includono il geomunoreum (거문오름) considerato come il miglior sistema di gallerie di lava al mondo con i suoi tetti e pavimenti di carbonato multicolore e le pareti scure di lava, il cono di tufo Seongsan ilchulbong (성산일출봉 ) simile a una fortezza che si innalza dall’oceano e il monte Hallasan con le sue cascate, le multiformi formazioni rocciose e il cratere pieno d’acqua. Questo luogo, di una bellezza estetica notevole, testimonia anche la storia del pianeta, le sue caratteristiche e i suoi processi.

Pagina Web UNESCO in inglese
Pagina Web UNESCO in francese


Tratto dal sito Web di UNESCO e in parte dalle pagine del sito del Korea Culture and Information Service, che si riserva il copyright sull'intero contenuto del proprio sito. Riferimento: Korea.net.

Torna all'inizio della pagina
© Valerio Anselmo